-->
HOME      RECENSIONI      SERIE TV      RUBRICHE      CONTATTI      AFFILIAZIONI      TBR


martedì 28 marzo 2017

RECENSIONE • "LA LETTRICE"

Buongiorno lettori! Oggi sono tornata con una recensione di una delle ultime letture affrontate: sto parlandi di La lettrice di Traci Chee. Sinceramente, a causa di uno stupido pregiudizio sorto dopo aver letto Flower, non mi aspettavo che questo romanzo mi sarebbe piaciuto così tanto. Ma vediamolo meglio nella recensione :)




LA LETTRICE


Autore: Traci Chee
Editore: NewtonCompton 
VOTO: 

TRAMA: 
Sefia sa cosa significa dover sopravvivere. Dopo che il padre è stato brutalmente ucciso, è fuggita con la misteriosa zia Nin, che le ha insegnato a cacciare, seguire le impronte e rubare. Ma quando Nin viene rapita, Sefia rimane completamente sola. L’unico indizio che può aiutarla a ritrovare Nin è uno strano oggetto rettangolare che il padre ha gelosamente custodito fino al giorno della sua morte. Un manufatto mai visto prima, di cui nessuno le aveva mai parlato, perché nel mondo in cui è nata e cresciuta la lettura è un’attività proibita. Con l’aiuto di questo libro e di un ragazzo che nasconde oscuri segreti, Sefia cercherà di salvare la zia Nin e scoprire che cosa sia realmente accaduto il giorno in cui suo padre è stato ucciso.


RECENSIONE

Premetto e ribadisco subito che il primo impatto verso questo libro mi aveva spinta a considerarlo della stessa pasta di molti altri YA che hanno provato a seguire le orme di Marcus Zusac con Storia di una ladra di libri (uno dei miei romanzi preferiti, tra l'altro), ma solo dopo aver deciso di dare un'opportunità al libro, in sconto su amazon in ebook, ho capito che in realtà non era affatto come pensassi.
Traci Chee, infatti, ci catapulta in un universo fantastico unico nel suo genere, immergendoci in una lettura fantasy con un pizzico di romanticismo e una vagonata di avventure da vivere. La particolarità di questo universo è che le persone non solo non sanno leggere, ma non hanno la minima idea di cosa sia un libro. Anzi, questo oggetto è considerato, da chi è consapevole della sua esistenza, un oggetto estremamente pericoloso. Assolutamente impensabile per noi divoratori di libri! Io sarei già implosa!
Il romanzo si presenta come un intreccio di storie e flashbacks, che si attorcigliano intorno alla trama principale che riguarda la protagonista Sefia, che attraversa queste terre fantastiche nascondendo nello zaino l'oggetto tanto pericoloso quanto sconosciuto che ha causato la strage della sua famiglia.
 La sua vita è costellata di perdite e di sofferenza, che culmina nel momento in cui perde la zia Nin, un'abilissima ladra il cui scopo è quello di proteggere la nipote, l'unica persona che le era rimasta dopo la morte dei suoi genitori. 
Dopo la sua scomparsa, Sefia si ritrova in una desolata solitudine e non le rimane altro da fare se non armarsi di coraggio e determinazione e mettersi alla ricerca della verità e degli assassini di suo padre e dell'amata zia. 
Nel frattempo, è inseguita da un gruppo di persone per due motivi: la sua natura fuori dal normale e quell'oggetto rettangolare sepolto nel fondo del suo zaino, custodito con cura dalla protagonista. Quest'ultimo, in più, contiene una delle storie che si intrecceranno poi con le vicende di Sefia, rendendo il romanzo ancora più misterioso e avvincente.
Le sue scelte la condurranno a unirsi in viaggio con un giovane ragazzo senza voce e senza nome (che poi gli verrà poi affidato da Sefia stessa: Arciere) e con una grande familiarità con archi e coltelli, tenuto prigioniero da un gruppo di Marchiatori, che vogliono fare di lui un feroce combattente per le loro schiere. Il loro rapporto evolverà nel corso del romanzo dapprima in un'amicizia indissolubile, in cui entrambi darebbero la vita per l'altro, per poi sfociare in un amore commovente, scaturito dai loro cuori martoriati e sofferenti. La gioia che coglie Sefia quando vede sorridere il compagno trasmette una grande felicità al lettore.

Attraverso ambientazioni meravigliose, che spaziano da grandi città, lande sconfinate fino ad arrivare in mare aperto sulla nave del capitano Reed, il fuorilegge più famoso del regno, Traci Chee ci fornisce il primo romanzo di una trilogia davvero promettente, intrigante e avvincente. 
I personaggi sono curati nei minimi particolari, per niente banali e prevedibili, la trama è ben sviluppata e dai risvolti inaspettati, e soprattutto lo stile che accompagna la narrazione è sublime, mai noioso. L'autrice ha saputo dosare bene l'azione e l'aspetto romance, in modo da mantenere quest'ultimo in secondo piano. Insomma, se iniziate a leggere questo romanzo sappiate che il nucleo principale non è la classica storia d'amore. 

Insomma, questo libro mi è piaciuto davvero tanto rispetto alle mie aspettative non molto alte, quindi mi sento di consigliarlo a tutti i lettori che amano le storie d'avventura. 
Non vedo l'ora di leggere il secondo volume *-*


1 commento:

  1. Ciao fanciulla, la tua recensione mi ha fatto venire voglia di leggere questo romanzo! Io amo i fantasy ma purtroppo c'è tantissima fuffa in giro! Non so se sono io che ho aspettative troppo alte o i romanzi che ho incontrato che sono brutti! Magari tenterò con questo libro prossimamente, così riprenderò fiducia negli autori fantasy! ;)

    RispondiElimina