-->
HOME      RECENSIONI      SERIE TV      RUBRICHE      CONTATTI      AFFILIAZIONI      TBR


martedì 10 gennaio 2017

RECENSIONE "THE QUEEN OF THE TEARLING"

Rieccomi qui dopo una piccola pausa dedita allo studio (ahimé) per la recensione di un libro che militava nella mia wishlist da eoni e che finalmente quest'anno ho potuto leggere. L'ho finito proprio l'altro ieri - mentre ieri ho iniziato e terminato "Il potere della lista", di cui aspettatevi una recensione a breve - e non vedo l'ora di cominciare il secondo! Bando alle ciance, cominciamo!




THE QUEEN OF THE TEARLING

Autore: Erika Johansen
Editore: Multiplayer

VOTO: ★★★

TRAMA: Il giorno del suo diciannovesimo compleanno, la principessa Kelsea Raleigh Glynn, cresciuta in esilio, intraprende un pericoloso viaggio verso il castello in cui è nata, per riprendersi il trono che le spetta di diritto. Determinata e coraggiosa, Kelsea adora leggere e non somiglia affatto a sua madre, la fatua e frivola regina Elyssa.Protetta dal gioiello del Tearling - uno zaffiro blu dagli straordinari poteri magici - e difesa dalla Guardia della Regina - un gruppo scelto di cavalieri guidato dall’enigmatico e fedele Lazarus - Kelsea ha bisogno di tutto l’aiuto possibile per sopravvivere alle cospirazioni dei nemici, che proveranno a impedire la sua incoronazione con agguati, tradimenti e incantesimi di sangue.Una volta diventata regina, e nonostante il nobile lignaggio, Kelsea si dimostra troppo giovane per un popolo e un regno dei quali sa ben poco, oltre che per gli orrori inimmaginabili che infestano la capitale. Kelsea deve scoprire di quale tra i suoi servitori fidarsi, perché rabbia e desiderio di vendetta si annidano fra i nobili di corte e perfino fra le sue stesse guardie del corpo. La sua missione per salvare il regno e compiere il suo destino è appena cominciata: Kelsea sarà chiamata ad affrontare un viaggio alla scoperta di se stessa e una prova del fuoco che la farà diventare una leggenda… se solo riuscirà a sopravvivere!


RECENSIONE.
Partendo dal presupposto che la casa editrice ha svolto davvero un ottimo lavoro di grafica (insomma, guardate che copertina! e le pagine, le illustrazioni *-*), dal quale sono stata attratta ancora prima di conoscere la trama del romanzo, ho amato ogni aspetto di questo libro, a partire dall'ambientazione e dalla protagonista.
Kelsea è la futura regina del Tearling, nascosta in un cottage nella foresta con i suoi genitori adottivi che la educano fino ai diciannove anni. Questo romanzo, infatti, comincia con la sua partenza dalla casa dell'infanzia alla volta del suo castello. Kelsea si dimostra subito come un personaggio tenace e giudizioso, e durante l'intero viaggio verso la Fortezza cerca in ogni modo di accattivarsi il favore delle guardie che la accompagnano, al fine di avere dei protettori fedeli nella giungla piena di insidie che sarà la sua vita al castello. Infatti sappiamo che persino il reggente, suo zio, la vuole morta, e Kelsea dovrà affrontare una marea di congiure e attentati. Tuttavia, ancora prima di essere incoronata, ci dimostra di voler essere una regina coraggiosa e giusta per il suo popolo, che vuole difendere come se fosse un figlio.
Il suo amore per la lettura, in più, avvicina noi amanti dei libri al suo personaggio, che trasforma le sue letture in conoscenze valide per regnare in modo corretto. 
Mi è piaciuto molto anche il personaggio di Mazza chiodata, la fedele e temutissima guardia reale, e quello di Fetch, avvolto nel mistero.
Un aspetto che ho apprezzato particolarmente è stato quello politico: l'intreccio di intrighi, tradimenti e congiure all'interno della Fortezza, e soprattutto le tattiche politiche e militari sviluppate da Kelsea e i suoi uomini per proteggere il reame. 
Inoltre non manca nemmeno la magia, che si manifesta nei misteriosi zaffiri e che rende la narrazione ancora più interessante e coinvolgente. L'unico difetto che ho riscontrato è stata la lentezza in certi tratti pesante del romanzo, anche se penso sia abbastanza giustificabile dal momento che è solo il primo volume.
Insomma, a me questo romanzo è piaciuto un sacco. Non vedo l'ora di leggere il secondo!




Nessun commento:

Posta un commento